Nel pomeriggio di ieri alle 18:00 in diretta Facebook è andato in scena uno straordinario ed innovativo esperimento di didattica digitale, di coesione territoriale, internazionale e di speranza.

Il contest #IORESTOOPENACASA nasce dalla collaborazione dell’Istituto d’Istruzione Superiore “A. Panzini” di Senigallia con Tipicità e l’Associazione Cuochi Regione Marche.

La diretta, aperta dal messaggio di Angelo Serri, è stata magistralmente condotta da Marco Ardemagni e ha visto l’avvicendarsi di giovani studenti del Panzini, dei loro docenti e del Dirigente Scolastico Alessandro Impoco oltre ad ospiti d’onore quali grandi chef, docenti universitari e l’anima organizzativa di tipicità Alberto Monachesi.

Il contest ed i suoi protagonisti hanno dato vita ad un format innovativo, un’unione di didattica a distanza integrata all’intrattenimento e all’approfondimento di temi di attualità.

#IORESTOOPENACASA è entrato nelle case di tantissimi dando un’opportunità di stare nuovamente assieme in questo momento di distanza fisica.

I quattro giovani finalisti, supportati dai rispettivi insegnanti, si sono sfidati in diretta presentando i loro cavalli di battaglia: Aurora - Sorbetto Ace, Elisa- Tagliatelle alla clorofilla, Gaetano- Pizza di Pasqua e Riccardo-Sweet zucchini.

Il voto della giuria popolare, rappresentato in diretta dal sorriso e dalla voce della studentessa Gioia, e quello della giuria di qualità, formata dal Presidente Luca Santini e dai giurati Simone Baleani, Walter Borsini e Luigino Bruni, hanno sancito la vittoria di Aurora.

In collegamento vi erano come graditissimi ospiti due grandi chef, Enrico Mazzaroni e Michele Casadei Massari che oltre a presentare i loro piatti hanno reso ancor più significativa e gratificante la partecipazione degli studenti con domande e apprezzamenti sul loro operato.

Enrico Mazzaroni, titolare del Tiglio di Isola di Montemonaco, già precedentemente colpito dal sisma del 2016 e ora dalla pandemia, ha proposto la sua “Lasagna 2.0” e con il suo sorriso e la sua energia ha mostrato una volta di più la caparbietà di reiventarsi e reagire con coraggio e positività alle difficoltà.

Da New York lo chef Michele Casadei Massari, titolare della Lucciola, ci ha presentato le sue “Polpette propedeutiche” ricche di zinco e albumina che avrebbe servito in giornata al personale dell’ospedale Mont Sinai di New York, drammaticamente colpita anch’essa dal Covid-19.

Un altro contributo importante è stato dato dal docente universitario e coordinatore del corso di Scienze gastronomiche dell’università di Camerino, Gianni Sagratini, che agganciandosi al tema Covid-19 ha riportato alcune importanti sperimentazioni messe in atto dall’UNICAM.

In un momento come quello attuale in cui le limitazioni alla libertà personale dovute all’emergenza Covid-19 sembrano disgregare la nostra quotidianità, per un’ora e mezza siamo riusciti a ritrovarci e a suggerire con il coraggio proprio dei giovani una nuova strada da seguire per poter ripartire tutti insieme.

 

Sono state ridotte tutte le distanze.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.